Diventa fan

Notizie e opinioni su Trieste

Cremcaffè, cambia la gestione

Passa di mano la gestione della degustazione Cremcaffè di piazza Goldoni. La Julius Meinl, proprietaria dello storico marchio fondato nel 1950 da Primo Rovis, a giorni siglerà un contratto con Paolo Fontanot, l'imprenditore triestino noto per la catena di panifici Il pane quotidiano. Intanto entro maggio verranno
[more=LEGGI TUTTO >>]
inaugurati in città altri due locali: sulla riviera barcolana sarà riaperta la gelateria Miramare, mentre in via Dante sbarcherà un bar-ristorante gestito dalla Eppinger. Tre novità, un'iniezione di ottimismo per un settore che a Trieste da tempo gode di poca salute.
Le vetrine del caffè di piazza Goldoni da alcuni mesi sono sguarnite. Un cartello invita i clienti a utilizzare i buoni sconto entro il mese di aprile. «Per un po' terremo il locale aperto senza particolari cambiamenti - precisa Omar Zilarich, punto di riferimento locale per il marchio Cremcaffè - e in estate chiuderemo per poter ristrutturare completamente il locale e riaprire entro settembre con molte novità. La tradizione non verrà meno: manterremo la vendita del caffè, il servizio rapido e tutto quello che caratterizza quel punto vendita Cremcaffè». Rassicurazioni arrivano anche dal punto di vista occupazionale: «Manterremo lo staff attuale - sottolinea Zidarich - i dipendenti hanno un contratto a tempo indeterminato con Cremcaffè che è intoccabile».
Il passaggio di mano del locale testimonia come non sia andato a buon fine il rapporto tra la Meinl e la famiglia Sorrentino, che nel 2004 aveva preso in gestione il locale di piazza Goldoni con un contratto che avrebbe dovuto durare dieci anni. Un passo, questo, giunto al termine di una serie di passaggi. Primo Rovis infatti aveva lasciato la guida della sua Cremcaffè nel 1989, anno in cui l'azienda venne venduta alla Cogeco. Poi la società fu acquistata da un gruppo di operatori triestini sotto la sigla Fincat. Nel 2003 l'amministratore delegato Fabrizio Polojaz rese noto che la Julius Meinl aveva acquistato il 50 per cento della Cremcaffè. Nello stesso anno la società veniva incorporata nella Incab di proprietà al cento per cento della Julius Meinl.
Omar Zidarich intanto sarà protagonista anche dell'inaugurazione della rinnovata gelateria Miramare. Al suo fianco Roberto Brazzach, gestore di locali in questo momento alla guida del Tea Room e del ristorante Al Faro. Chiusa dallo scorso settembre, a due passi dal Befed, la gelateria metterà nuovamente a disposizione dei clienti l'ampio giardino servendo gelati artigianali e, c'è da scommetterci, rifocillando con bevande e stuzzichini le migliaia di bagnanti che ogni estate popolano i Topolini e il resto della riviera barcolana.
In via Dante infine, a prendere il posto dei locali un tempo occupati dalla prosciutteria Dok, entro l'estate ci sarà un locale gestito dalla Eppinger, leader nella produzione di prodotti dolciari tipici triestini. «Stiamo rinnovando il locale che sarà provvisto di diversi tavoli esterni, farà servizio di caffetteria e di ristorazione, - spiega Sebastiano Scaggiante, titolare dell'azienda Bon Bon, proprietaria del marchio Eppinger - e che fornirà anche un menù adatto a chi segue delle diete»
Una novità nel campo della ristorazione viene proposta infine anche dal gruppo Bosco: nel "Ristobar 18 Ottanta" di via Coroneo da alcune settimane è possibile anche cenare.
Laura Tonero - il Piccolo






Leggi l'articolo

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.